"SPECIALMENTE GENITORI"

Ascolto, confronto e sostegno per la gestione delle complessità emotive nelle famiglie in cui è stata ricevuta una diagnosi di Autismo e disabilità correlate

Introduzione
La famiglia e il rapporto con i genitori rimane il luogo primario all’interno del quale si realizza la crescita e lo sviluppo del bambino o ragazzo.

Essere genitori  di una persona  con autismo può risultare complesso, anche in relazione alle dinamiche emotive che si possono presentare. Non è di rado che ci si trovi ad attraversare momenti in cui il cammino appaia troppo faticoso, ci si senta molto disorientati o si incappi in qualche problematica di un certo rilievo.

Ma ugualmente, se non di più,  vi è la necessità che si crei fra il bambino/ragazzo e i genitori una relazione positiva che permetta di vivere le circostanze nella maniera più adeguata, per favorire una crescita migliore dei figli stessi e ottimizzare gli interventi educativi ed abilitativi nei loro confronti e che non devono mai mancare.

Accanto agli interventi diretti esclusivamente sulla performance del bambino sarebbe opportuno tenere in considerazione i fattori familiari, non foss’altro, di per sé, perché potrebbero influenzare sia gli effetti immediati che quelli a lungo termine.

 

Obiettivi

L' incontro è  il primo di una serie di momenti finalizzati proprio a supportare i genitori dal punto di vista  affettivo,  attraverso i principi dell'ACT (Acceptance and Commitment Therapy), un accompagnamento per quei genitori che, inevitabilmente, vivono delle difficoltà nel loro ruolo genitoriale.

Gli incontri si prefiggono, quindi, di supportare i genitori nel loro ruolo, di promuovere la consapevolezza dell’importanza di tale compito e, nel contempo, di accrescere e rafforzare le competenze educative dei genitori stessi.

Gli incontri per i genitori vogliono essere una modalità concreta, che senza far venire meno l’intervento clinico diretto al proprio figlio, si pone come aiuto per il superamento di difficoltà emotive, spesso poste in secondo in un intervento comportamentale per l’autismo e disabilità correlate.

Obbiettivi primari del progetto sono:

  • Fornire ai genitori uno spazio di ascolto e supporto individuale;

  • Sostenere i genitori nell’agire in modo efficace in presenza di eventi privati difficoltosi;

  • Migliorare la capacità di gestire i propri pensieri ed emozioni

  • Diminuire il livello di stress per favorire il benessere familiare e favorire l’efficacia degli interventi educativi ed abilitativi.

  • Rendere consapevoli i genitori che si trovano in circostanze complesse, sull’importanza del lavoro su se stessi per favorire gli interventi sull’intero sistema. Di intervento.
     

Destinatari

  • che avvertono difficoltà emotive nella crescita dei propri figli, in famiglie all’interno delle quali è stata ricevuta una diagnosi di autismo e disabilità correlate.
     

Metodologia e strumenti

Gli incontri sono basati sulla metodologia dell’Acceptance and Commitment Therapy (ACT), intervento che favorisce l’uso di strategie di accettazione di impegno nell’azione e nella modificazione del comportamento.
Saranno favoriti l’utilizzo di prove esperIenzIali, di conoscenza degli stati mentali, role playing,  esercizi sugli ABC comportamentali e altri strumenti.

Sede incontri

Gli incontri si terranno presso la sede dell’associazione L’Arca di Noè in Via Regione Siciliana n. 51/A-E.

SPECIALMENTE GENITORI.png